Il clima natalizio invaderà la pay tv dal primo dicembre all'8 gennaio: Sky Cinema Hits, per più di un mese, si chiamerà Sky Cinema Christmas, e offrirà agli utenti un palinsesto ricco di film natalizi dedicati alle famiglie. Inoltre, gli abbonati a Sky Cinema Christmas potranno scegliere la programmazione per il 25 dicembre votando su Sky fra una selezione di trenta titoli.

La decisione di rimpolpare il palinsesto con scelte tematiche legate al periodo dell'anno è sicuramente una buona idea, e andrebbe a rendere più competitiva la pay tv che, da parecchio tempo, pare affetta da una cronica mancanza di titoli forti nell'offerta cinematografica. Il paragone tra il leader delle tv a pagamento e Mediaset è inevitabile: Sky è carente delle anteprime e della nutrita library di cui fa invece bello sfoggio la tv fondata da Silvio Berlusconi, forte di un accordo con le major americane come la Warner.

Sky possiede il numero di canali e la tecnologia adeguata per proporre cinema di qualità, ma è costretta a riempire il palinsesto di repliche; una consuetudine che alla lunga potrebbe infastidire anche gli abbonati più fedeli. La pay tv deve rimboccarsi le maniche, anche perché Sky domina il settore delle pay tv e, nel 2013, la televisione di Murdoch compirà il grande sorpasso, diventando detentrice del 34% delle quote di mercato; all'azienda fondata da Berlusconi spetterà, invece, il 33%.

Non si tratta di una novità: Sky ha raggiunto i 5 milioni di abbonati, contro 1,9 milioni di utenti Mediaset (a cui si sommano 2,5 milioni di carte ricaricabili attive). Il panorama televisivo è in costante evoluzione, ma rimanere aggiornati non è un'impresa irraggiungibile: grazie a SuperMoney è possibile confrontare le offerte del digitale terrestre e del satellite di tutti gli operatori attivi sul mercato, scegliendo quella più adatta alle proprie esigenze.