Il mondo della televisione in questi anni sta cambiando profondamente e i prossimi mesi sembrano essere un momento particolarmente importante per questa nuova fase del "piccolo schermo". Il protagonista di questa trasformazione è sicuramente internet, che dallo schermo del computer sta sempre più migrando verso quello televisivo, nonché verso il display di dispositivi mobili come smartphone e tablet.

Non è un caso che proprio in questo periodo molte multinazionali dell'hitech siano impegnate proprio nello sviluppo di piattaforme web destinate all'ampliamento dell'offerta televisiva. I grandi del web, come Youtube e Google, già qualche mese fa avevano annunciato il loro sbarco nel mondo della pay tv,mentre in questi giorni, in occasione della presentazione del nuovo iPad, è arrivata la notizia del rilancio di Apple Tv. Ma le novità non sono finite qui. Anche Intel, il gigante di chip, sembra che stia ampliando in suoi orizzonti verso il mercato televisivo, con la proposta di vendita di alcuni canali nel settore. Inoltre sembra che stia lanciando anche un apparecchio per vedere la televisione che consenta anche la connessione a internet (set-top-box). Non si hanno ancora notizie precise, ma il Wall Street Journal afferma che Intel sarà un "operatore virtuale via cavo" dalla fine dell'anno. Intanto Google,per non rimanere indietro sul mercato, ha accelerato sul suo sistema operativo Android per la televisione, ma vuole abbandonare l'unità per la produzione di set-top-box acquisita con Motorola la scorsa estate.

Anche le pay tv italiane, Sky e Mediaset Premium stanno fortemente puntando sull'offerta via internet. In particolare la prima ha rilanciato il suo servizio Sky Go per tablet, smartphone e pc, mentre Mediaset Premium, dovrebbe sbarcare sul web nel corso dell'anno.