Il digitale terrestre è entrato ormai da mesi nelle nostre case. L'ultima regione a dire addio all'analogico è stata, infatti, la Sicilia lo scorso 4 luglio. Eppure ancora persistono in tutt'Italia problemi di ricezione. Diversi utenti hanno, infatti, lamentato la mancata ricezione di alcuni canali, in particolare quelli della Rai per cui si paga il canone, o la scarsa risoluzione delle immagini. Tuttavia nonostante le proteste di milioni di italiani, Rai e Mediaset hanno finora totalmente ignorato il problema. Come fare allora in caso di cattiva o mancata ricezione del segnale?

Per chi non volesse cambiare l'impianto di antenna, installare una parabola o comprare un decoder TivùSat (società controllata da Rai e Mediaset), esiste una soluzione più economica, ma poco conosciuta dagli italiani. Si tratta di Europa 7HD, un decoder di ultima generazione, nato per il futuro standard DVB-T2. L'installazione di questo strumento permette di risolvere i problemi d'interferenza generati da un canale vicino con un segnale troppo alto e permette anche di vedere quei canali non ricevibili con altri apparecchi. Oltre a quelli in Alta Definizione, ogni mese è possibile reperire nuovi canali, grazie all'aggiornamento automatico del dispositivo.

Attualmente Europa 7 è l'unico decoder in DVB-T2 disponibile sul mercato, con cui possibile ad esempio vedere tutte le partite del sabato in Alta Definizione e in DVB-T2, senza doversi abbonare al canale SERIE B TV che le trasmette. Inoltre a partire dal 2015 saranno messi in vendita soltanto decoder e tv integrati che ricevono in DVB -T2: a quel punto disporre di un apparecchio dotato di questa tecnologia sarà indispensabile per vedere la tv.