I cittadini lo volevano, un grande successo aveva avuto il confronto Tv fra i candidati per le Primarie del Partito Democratico, e dire che si svolse in una pay tv, su Sky. Adesso invece, tutti i cittadini italiani e non solo, potranno mettersi davanti alla tv e vedere i tre leader di partito Silvio Berlusconi, Mario Monti e Pierluigi Bersani, confrontarsi, o meglio scontrarsi.

Infatti a gennaio era saltato l'accordo per vedere Silvio Berlusconi per il Pdl, Pierluigi Bersani per il PD, e Mario Monti per il Centro, dibattere nelle sedi RAI; invece ora è stato deciso che sarà Canale 5 a ospitare la sfida che avverrà giovedì 21 febbraio 2013, cioè tre giorni prima delle elezioni politiche che si terranno il 24 e il 25 febbraio. L'annuncio è stato dato nel corso del Tg 5 delle 20 di ieri, mercoledì 13 febbraio.

Addirittura è stato sorteggiato l'ordine cronologico degli interventi dei tre leader, prima Monti, poi Berlusconi e infine Bersani, l'annuncio è stato fatto con tanto di immagini relative al sorteggio, da Cesara Buonamici durante il TG5 delle ore 20 andato in onda il 13 febbraio.

Cosa ci si deve aspettare da questo confronto tv? Parleranno uno alla volta senza essere interrotti dagli avversari politici? Ci sarà il tempo e tanto di cronometro, di certo non ci pare possa essere un confronto pacifico come fu quello televisivo fra i cinque candidati alle Primarie del Pd, si rappresentava lo stesso partito, si doveva fare buona figura dando un esempio di unità e serietà politica. Stavolta però, si tratta di leadership di Governo, c'è ben altro in gioco, e i contendenti se ne sono già detti di tutti i colori, nessuno escluso.

In fondo tutti speriamo in una sfida tv civile, non come certi immagini che abbiamo visto più volte in Parlamento; è anche vero che a livello verbale, evitando offese, ci si aspetta uno scontro di idee e programmi deciso: per chi è ancora fra gli indecisi, c'è in palio un voto che potrebbe essere decisivo.