In Italia la stragrande maggioranza dei consumatori interessati all'abbonamento pay tv è indeciso tra le offerte di Mediaset Premium e Sky, gli unici competitors presenti nel nostro paese. Tuttavia anche nella vecchia Italia, lentamente si stanno sviluppando le prime piattaforme di streaming legale, nelle quali è possibile accedere a un'ampia gamma di prodotti di intrattenimenti (dai film alle serie tv) pagando per il singolo contenuto oppure un forfait mensile.

Per chi mal sopporta i palinsesti fissi e predefiniti delle pay tv o anche della televisione generalista, scegliere l'abbonamento alla pay tv, può non essere la soluzione migliore. Gli amanti delle libertà, coloro che desiderano un palinsesto su misura in cui sia possibile non solo decidere quali programmi guardare ma anche quando, farebbero meglio a optare per la tv on demand o lo streaming legale.

Rispetto all'Italia la situazione negli Stati Uniti è lontana anni luce. Il Wall Street Journal pochi giorni fa ha dato la notizia dell'imminente arrivo, secondo i rumors più attendibili entro aprile, di una chiavetta targata Amazon, che permetterà di collegare la tv a internet e di vedere in streaming una serie di contenuti video online.

Il dispositivo sarà probabilmente simile a Google Chromecast la chiavetta low cost creata dal colosso di internet e disponibile solo negli Usa a 35 dollari. Amazon tuttavia con questa Kindle Tv si troverà a sfidare non solo il titano delle ricerche web ma anche la Apple Tv che esiste anche da noi e costa all'incirca 109 euro. Il prezzo del nuovo prodotto di Amazon non è stato ancora reso noto ma entro aprile avremmo la possibilità di acquistarlo online ma anche in alcuni negozi fisici statunitensi.

La compagnia di Jeff Bezos possiede già una piattaforma di contenuti video, Prime Instant Video, che offre un vasto repertorio di film e serie televisive on demand in streaming; Sulla sua chiavetta per la tv, Amazon darà la possibilità di vedere non solo il catalogo di Prime Instant Video ma anche di una serie di contenuti pescati da altre piattaforme di streaming legale come ad esempio Netflix.

Un altro rumor interessante riguarda proprio la piattaforma di contenuti video già esistente di Amazon che addirittura potrebbe iniziare a trasmettere programmi in diretta entrando nel durissimo mercato dei giganti della tv via cavo e via satellite americani. Certamente Amazon non è una società che teme la competizione serrata.