Secondo molti consumatori, nonostante la presenza del digitale terrestre ormai sui nostri schermi da qualche anno, la ricerca di contenuti interessanti e alternativi alla normale programmazione televisiva viene a giocarsi in Italia tra i prodotti di Mediaset Premium e quelli di Sky.

Sono poi i due colossi a litigarsi la fetta sempre più ampia di consumatori impegnati a cercare le migliori offerte per la pay tv, in modo da trovare un pacchetto che possa soddisfare al meglio le loro esigenze di consumo televisivo e allo stesso tempo mantenere adeguatamente pieno il portafogli. Un preoccupazione che invece non sembra provenire dai quartieri generali di Mediaset, in procinto di lanciarsi in nuove conquiste.

Il bilancio in rosso del 2012, pari a 287 milioni di euro in meno nelle tasche del gruppo milanese, non sembra infatti da alcune recenti notizie aver fermato Mediaset, che si rifà a modelli eccellenti come Al Jazeera e Sky nutrendo mire ambiziose: non sarà certo passato inosservato, nelle scorse settimane, l'acquisto dei diritti della Champions League dal 2015 al 2018, sottratti all'offerta Sky.

Il periodo dei tagli sembra finito, tant'è che a seguire questa azione da molti criticata, arriva la mira verso la Spagna: l'attenzione si è spostata su Digital+, pay tv spagnola. Mediaset Milano e Cesar Alienta, proprietari entrambi del 22%, in base ad accordi parasociali potranno presentare entro quindici giorni un'offerta per il controllo del network Prisa.

A farsi vivi Al Jazeera e News Corp, stando ai rumors, per cifre da capogiro: 900 milioni di euro richiesti dal gruppo spagnolo in crisi, 600 milioni quelli concessi dalle prime offerte. Si attende allora la mossa, magari congiunta, di Alienta e Berlusconi, dato che, se agisse da sola, il debito di Mediaset arriverebbe a 1,8 miliardi di euro (Champions esclusa).

A chi si chiede da dove viene tutta questa floridità economica, rispondiamo con: pubblicità, che finalmente risorge dalla sua crisi e dona a Mediaset una cifra pari a quasi 1,5 milioni.

Se, come si maligna, la Champions sarebbe stata acquistata e sottratta a Sky per evitare di soccombere al gruppo di Murdoch, lo sbarco in Spagna per Digital+ sarebbe altamente strategico: potrebbe infatti arrivare a coinvolgere anche Telefonica, che è azionista di Telecom Italia. Tale accordo cruciale, consentirebbe infatti sia a Premium di sollevarsi che di integrare le sue risorse con quelle di Telecom Italia.