Mediaset entra nel mercato nascente dei film in streaming legale e del noleggio digitale con la piattaforma Infinity che, comunque separata dalla pay tv, andrà ad affiancarsi all'offerta di Mediaset Premium, già ampia e variegata.

Si tratta di un mercato ancora agli albori in Italia che però, si presuppone, crescerà molto nei prossimi anni. Fra qualche anno quindi nello scegliere l'abbonamento pay tv più conveniente, dovremmo tenere conto anche della possibilità di usufruire di piattaforme dove vedere film in streaming legalmente.

È di pochi giorni fa la notizia della messa in vendita anche in Italia di Google Chromecast, la chiavetta che consente di connettere a internet ogni tv dotata di porta Hdmi, avendo quindi la possibilità di vedere qualsiasi contenuto web direttamente sulla tv senza dover per forza acquistare una smart tv.

Dal costo contenuto, solo 35 euro, la chiavetta permette di trasformare lo smartphone o il tablet in un telecomando in grado di trasmettere direttive direttamente alla tv. La novità è che anche Infinity verrà inclusa tra le piattaforme web da cui sarà possibile fare acquisti o noleggiare film in streaming attraverso Google Chromecast.

Infinity, il servizio di film in streaming e noleggio di Mediaset, è pronto a salire a bordo di Google Chromecast. La chiavetta di Google è stata lanciata in Italia pochi giorni fa: Costa 35 euro e per lanciare un video dal cellulare alla tv dalle app compatibili basta schiacciare sull'icona di trasmissione e il link viene inviato via wifi. A quel punto lo smartphone diventa il telecomando mentre la riproduzione continua.

Ad oggi Chromecast, tra le applicazioni e le piattaforme di contenuti video compatibili, ha YouTube, i film da noleggiare o acquistare di Google Play (insieme alla musica) e altre per la condivisione di file multimediali. A queste si aggiungeranno presto Sky Online e probabilmente, in tempi brevi, anche Netflix (come già è negli Usa).

L'ampliamento dei contenuti permetterà di migliorare di molto l'attrattiva di Google Chromecast rispetto ai concorrenti (Apple tv e, presto, Amazon tv); proprio la pochezza dei contenuti infatti era il tallone d'Achille della chiavetta.

Anche in Italia quindi finalmente si potrà avere una buona offerta di film streaming a basso prezzo, i quali, è stato dimostrato da recenti studi, combattono molto bene la crescita esponenziale della pirateria: «Credo sia un processo irreversibile - spiega Chiara Tosato, responsabile di Infinity - e che l'ampliamento dell'offerta sia anche la migliore risposta alla pirateria. Le major saranno costrette a fare come nella musica».