Negli ultimi giorni i rumor relativi all'eventuale accordo di Mediaset con Tiscali avevano fatto impennare i titoli della società di Soru. Ma da Cologno Monzese arriva la smentita: non c'è alcun "interesse specifico nei confronti dell'operatore". Tutto questo fermento nei giorni prima del lancio della nuova pay tv di Mediaset fanno pensare ad un prodotto innovativo e interessante. Quasi quasi siamo tentati da mettere le offerte pay tv a confronto per capire cosa offre il mercato.

E dopo esserci fatti un'idea chiara possiamo informarci sui prodotti Sky e Mediaset per scegliere quello che preferiamo con cognizione di causa. Il primo dicembre, tra quattro giorni, il gruppo Mediaset aprirà i battenti di Mediaset Premium Spa, di cui sentiamo parlare da quest'estate, e di cui abbiamo letto e sentito dire molto. Ad ottobre, ad esempio, le ipotesi erano aperte su quali potessero essere i partner di Mediaset, e un mese fa si sentiva parlare di Telefonica come del socio più importante, ma c'erano voci che parlavano anche di Al Jazeera e Vivendi.

Poi non era ben chiaro chi sarebbe stato selezionato per avere in mano la guida operativa della società, in quanto si conosceva solo il nome del responsabile finanziario e amministratore unico, Marco Giordani. Adesso invece sappiamo che dalla periferia di Milano sono state avviate delle valutazioni delle offerte tecnologiche di tutte le compagnie di telefonia operative in Italia, "al fine di individuare eventuali collaborazioni per gli innovativi abbonamenti integrati pay tv-broadband già annunciati da Mediaset Premium".

E sono state proprio le indiscrezioni relative alla partnership di Mediaset con la compagnia telefonica Tiscali ad infuocare le sue azioni nei giorni passati. Secondo quanto emerge da Radiocor, Mediaset avrebbe avviato una valutazione sull'infrastruttura di rete di Tiscali per valutare le potenzialità di una collaborazione commerciale. Altre fonti, invece, dicono che l'attenzione posta nei confronti dell'azienda sarda sia dovuta ad un interesse ben più significativo.

Insomma, le informazioni sono diverse e soprattutto non chiare. Quello che è chiaro è che Marco Giordani vuole stringere delle partnership solide entro luglio 2015, quando l'offerta dei contenuti includerà anche la Champions League in esclusiva. Nel frattempo, ci possiamo mettere comodi sul divano, accendere la televisione, e vedere in cosa consiste la nuova pay tv di Mediaset.