I Golden Globe 2015 sono andati in scena presso il Beverly Hilton Hotel di Beverly Hills, in California, riservando emozioni e sorprese. Rispetto a qualche anno fa, l’attenzione nei confronti dei premi alle eccellenze del piccolo schermo è notevolmente aumentata e percepita diversamente anche in Europa. Grandi attori, serie tv stellari e una divulgazione ben più ampia rispetto al passato hanno reso le serie tv un prodotto mainstream dalle fortissime capacità di canalizzare l’attenzione e attrarre pubblico. In Italia, quando si sceglie il pacchetto televisivo da sottoscrivere, nel porre le pay tv e le loro tariffe a confronto, l’offerta relativa alle serie tv ha assunto un ruolo decisivo, dimostrandosi in grado di spostare gli equiibri.

Golden Globe 2015, vetrina anche per le tv italiane

Finita l’era del fenomeno Breaking Bad, nuove star hanno saputo colmare il vuoto e, conclusosi il 2014, passano a battere cassa e a ricevere gli onori che spettano loro. La sfida tra i colossi della tv a pagamento, anche in Italia sono pronti a darsi nuova battaglia per aggiudicarsi i format più promettenti, con gli utenti già armati di smartphone o pc per scoprire le nuove evoluzioni dell’offerta in pay-per-view, studiare i nuovi pacchetti Sky informandosi sui suoi nuovi prodotti, compararli con i canali tematici di Mediset Premium.

I premi: The Affair sovverte i pronostici, trionfa Kevin Spacey

I Golden Globe 2015 – 72ima edizione della kermesse - hanno eletto le stelle dell’anno scorso, tra emozioni, conferme e sorprese. Il colpo di scena più inaspettato è stato riservato dalla statuetta più ambita: The Affair si è aggiudicato il premio come miglior serie tv drammatica, beffando lo strafavorito House of Cards. Il format trasmesso da Netflix si è consolato con il ‘globo’ a miglior attore protagonista in una serie drammatica, consegnato a Kevin Spacey, candidato anche nella scorsa edizione (quando vinse Bryan Cranston, il Signor White di Breaking Bad). Gli autori di The Affair possono esultare anche per la statuetta alla migliore attrice in una serie drammatica, andata a Ruth Wilson.

Transparent miglior serie commedia, a Fargo il premio come miglior mini-serie

Transparent, la commedia noir sul mondo dei transgender, eletta migliore serie commedia o musicale dei Golden Globe 2015, con Jeffrey Tambor, protagonista della serie, migliore attore della categoria. Gina Rodriguez, star di Jane The Virgin, conquista il corrispettivo premio femminile. Fargo – La serie è stata eletta miglior mini-serie o film per la televisione.

Commozione e ironia dai protagonisti della serata

La serata dei Golden Globe 2015 ha regalato anche significative emozioni, elargite soprattutto dalla voce dei protagonisti che hanno animato la serata. Jeffrey Tambor, visibilmente emozionato, ha commentato alla consegna: “Questo premio è grande, è più grande di me. Lo dedico alla comunità transgender, grazie per il coraggio, l’ispirazione e la passione, e grazie per averci permesso di essere parte del cambiamento”.

Kevin Spacey, tra il piccato e l’ironico, si è lasciato scappare un commento sardonico: “E’ l’ottava volta che vengo nominato per questo premio, non posso credere d’aver vinto, cazzo!”. Il magnetismo di Frank Underwood ha ceduto il passo alla tenerezza quando Jill Soloway, la creatrice della serie The Normal Heart, ha dedicato la statuetta “all’amore” e ricordato Leelah Alcorn, l’adolescente trans che si è tolto la vita lo scorso dicembre.