Nuovo accordo che unisce il settore delle pay tv a quello della telefonia. Sky e Telecom hanno infatti trovato l'intesa per un accordo che porterà nelle case degli italiani un'offerta senza precedenti, comprensiva di pay tv, telefonia mobile e fissa e adsl. Dopo essersi informati sulle offerte pay tv dei vari operatori per trovare la più adatta alle proprie esigenze, i consumatori avranno dunque la possibilità di sottoscrivere un'offerta che copre tutte le necessità.

Vedere la pay tv di Sky attraverso la connessione internet

Secondo le informazioni trapelate, l'accordo Sky-Telecom sarebbe stato siglato un anno fa, e dovrebbe essere disponibile dopo Pasqua. Coloro che hanno messo le offerte di Sky a confronto con quelle di Mediaset Premium, propendendo per l'azienda di Rupert Murdoch, potranno quindi godere della pay tv attraverso la connessione della banda ultralarga di Telecom, ad un costo mensile di circa 60 euro. Ai nuovi clienti verrà fornito un modem ultrabroadband di Telecom Italia ed un decoder MySky HD, in modo da poter godere anche dei servizi ondemand.

Vantaggi per entrambe le aziende

Sky tramite l'accordo punta ad acquisire quella parte del mercato che non è raggiungibile dal segnale satellitare, stimata attorno al milione e mezzo di cittadini italiani. La partnership aiuterà l'azienda in un momento delicato, che fa seguito all'acquisizione dei diritti relativi alla Champions League per il triennio 2015-2018 da parte della rivale Mediaset Premium, che potrebbe convincere molti consumatori a disdire l'abbonamento con Sky. Telecom, dal canto suo, sfrutterà l'attrattività dei contenuti proposti da Sky (Sport, Cinema, Intrattenimento) per incentivare la domanda sulla banda larga.

LEGGI ANCHE: Accordo Tim-Sky, arriva in Italia la tv via fibra

L'obiettivo di Sky e Telecom è portare nelle case degli italiani circa 300.000 decoder; l'operatore telefonico ha intenzione di acquistare 120.000 decoder per i prossimi cinque anni, per un ricavo totale da parte dell'azienda di pay tv di circa 70 milioni di euro all'anno. In passato Sky aveva già chiuso accordi con Fastweb ed Infostrada, ma nessuno di questi comprendeva un'offerta così ampia.

Sky e lo scenario futuro

Continuano dunque le manovre di Sky per ammortizzare lo smacco di aver perso i diritti per la trasmissione dell'ex Coppa dei Campioni per la prima volta dal 2003-04, anno della sua entrata nel mercato italiano. Sebbene conti comunque molti eventi in esclusiva, come la Formula Uno, la Moto GP e il torneo tennistico di Wimbledon, Sky rischia di perdere molti abbonati, in quanto sicuramente la Champions League è uno dei motivi principali per cui i consumatori si abbonano alle tv a pagamento.